La solidarietà al centro dell’evento

CORRI E AIUTA CHI HA BISOGNO

Fin dalla sua nascita, l’UTMB® ha sempre voluto associare l’energia dell’evento allo spirito di solidarietà. La cultura e la tradizione alpina accordano un posto importante alle relazioni umane ed all’aiuto reciproco. Siamo animati dal simbolo “della cordata“ e dalla volontà di sostenere gli altri a vincere le varie sfide, superare momenti difficili, lottare contro la malattia, aiutare i bambini a crescere nel modo migliore.

L’UTMB® ha dunque messo in opera diversi dispositivi che permettono di raccogliere fondi a profitto di associazioni caritatevoli partnership. Al momento delle iscrizioni alle 5 gare, l’Organizzazione versa immediatamente un tot a 5 associazioni. Inoltre, 140 PETTORALI SOLIDALI sono attribuiti ai corridori che vogliono sostenere una delle nostre associazioni partner facendo direttamente una donazione di 2000 €, anche con l’aiuto di amici, parenti, aziende, ecc. Infine, ogni concorrente può promuovere individualmente un’associazione.

L’UTMB® ha così creato legami forti con le associazioni sostenute, segue le varie azioni e privilegia gli scambi umani tra corridori, organizzatori ed associazioni.

140
Pettorali solidaldi
290 000 €
raccolti dalle associazioni

 

11
Associazioni caritatevoli sostenute

 

Donazioni via le iscrizioni
25 000 €
raccolti

Pettorali solidali
Contacts dossards solidaires
Assoc. sostenute dall'organizzazione
Fondation maladies rares
Frères des Hommes
Greffe de vie
Kaïcedra
Le Rire Médecin
Les Amis de Children's Home
Liziba Source de Vie
Plan International
A Chacun Son Everest
Rotary - AURAF-TRANSPLANT

I concorrenti dell'UTMB® sostengono 
AURAF-TRANSPLANT

in partnership con il Rotary Club Chamonix Mont-Blanc Megève

“L’Association pour l’Utilisation du Rein Artificiel“, associazione che promuove anche il trapianto, ha come obiettivo lo sviluppo e l’accesso alle cure per l'insufficienza renale nel Burkina-Faso. 

L'insufficienza renale è un'alterazione del funzionamento dei due reni che non filtrano più il sangue correttamente. I rifiuti ed i liquidi si accumulano allora nell'organismo. Quando la malattia raggiunge lo stadio terminale, è assolutamente necessario un trattamento sostitutivo (la dialisi) per salvare la persona ammalata. 

Oggi, il Burkina-Faso dispone di un solo centro dialisi. I posti sono limitati, la mancanza di materiale è frequente e le cure non sono sufficienti. 

Inoltre, il costo mensile delle cure è ben oltre lo stipendio medio, limitando ulteriormente la possibilità di dialisi. Come lo sottolinea il Dr Kintega: «è meglio avere l'AIDS che  l'insufficienza renale, perché il trattamento contro l'AIDS è gratuito ». 

La situazione è disastrosa, le persone con insufficienza renale muoiono perché mancano i mezzi, il materiale, i soldi ed i posti ...

I nostri obiettivi sono i seguenti:

  • Obiettivo generale: contribuire allo sviluppo ed alla possibilità di usufruire di cure per l'insufficienza renale in Burkina-Faso, attraverso azioni pedagogiche e/o informative sia per il corpo medico che per i pazienti.

  • Obiettivi specifici: creare e sviluppare in tutto il paese dei centri dialisi associativi, autonomi a lungo termine, affinché tutti possano usufruirne. 

Progetti realizzati nel 2016

  • Valutazione sul terreno

  • Raccolte di materiali (25 letti, 16 generatori elettrici, 3 poltrone ...)

  • Creazione di un'antenna locale per garantire la continuità delle nostre azioni

  • Training di un mese in Francia di un medico e di un infermiere burkinabei

Progetti 2017

  • Aprire un secondo centro a Bobo-Dioulasso

  • Mandare un container di materiale

  • Aprire un centro dialisi associativo per aumentare l'offerta di cure

Abbiamo assolutamente bisogno di te per potere raggiungere questi obiettivi!
Per saperne di più, vai su

auraf.org

Pagala
Pako'z'otre
Girotondo