Consigli equipaggiamento

Prepara e controlla il tuo materiale

La scelta di un equipaggiamento idoneo è uno dei fattori chiave del successo della gara. L’ultra-endurance necessita una preparazione minuziosa, attrezzatura da gara compresa.

In agosto, nel massiccio del Monte Bianco, può fare molto caldo (più di 30°), molto freddo (-10°C sopra ai 2000 m), piovere, grandinare ed anche nevicare. Il tuo materiale deve dunque permetterti di affrontare qualsiasi condizione meteorologica e una o due notti sul percorso. In caso d’incidente, devi anche potere attendere i soccorsi nelle migliori condizioni di sicurezza.

L’UTMB® impone un elenco di materiale obbligatorio che tutti i corridori devono avere sempre con sé su pena di penalità. Vengono effettuati dei controlli durante tutte le gare. In realtà, è decisamente meglio prendere anche il materiale raccomandato ed il materiale consigliato. È necessario adattare l’equipaggiamento secondo il bisogno personale di ognuno, di provarlo durante l’allenamento e di portare tutto ciò di cui si ha bisogno. Certo il peso dello zaino ha la sua importanza ma non bisogna essere troppo minimalisti. Ottimizza le tue chance grazie a scelte razionali.

Materiale obbligatorio
FAQ materiale obbligatorio
IL SISTEMA DI IMPERMEABILIZZAZIONE IDEALE PER IL TRAIL RUNNING
La suola da trailrunning ideale

LA SUOLA DA TRAILRUNNING IDEALE... powered by Vibram

Una perfetta suola da trailrunning deve esaltare la leggerezza, il grip e le proprietà di trazione in modo da  assicurare le seguenti proprietà in diverse condizioni ambientali e climatiche.

CONDIZIONI AMBIENTALI

Salita: flessibilità + trazione
Discesa: cushioning e grip
Piano: rullata easy

CONDIZIONI CLIMATICHE

Pioggia: grip e self cleaning
Neve: traction e self cleaning
Terreno dry: cushioning e flexibility

Caratteristiche principali di una scarpa da corsa in montagna

  • PERFORMANCE: si identifica con il trasferimento al terreno di tutte le forze del corridore , in modo da ridurre al minimo la dispersione;
  • PROTEZIONE: si identifica con il cushioning, la possibilità cioè di ridurre i picchi di impatto a carico del sistema muscolo-scheletrico, e con la protezione della pianta del piede dalle asperità del terreno;
  • COMFORT: si identifica con la distribuzione delle pressioni plantari attraverso lo shape della midsole..

Queste caratteristiche dipendono al 90% dalla suola: nelle gare di lunga distanza sono senz’altro da privilegiare protezione e comfort.  
Vibram ha studiato un sistema di suddivisione della suola in aree funzionali seguendo l’anatomia e i gradi di libertà del piede. Tutto ciò per soddisfare le esigenze dei runner in gare di lunga durata e su ogni tipo di terreno.

Le tipiche aree funzionali di una suola Vibram® da trailrunning sono

[A] PUNTA
Il puntale rinforzato favorisce la protezione delle dita dagli impatti frontali. E’ importante che il disegno della tassellatura arrivi fino al puntale, per dare trazione nell’ultima fase di spinta a carico delle dita, fase estremamente importante soprattutto in forte salita su terreni cedevoli.
La disposizione della tassellatura in quest’area deve presentare un disegno progressivo, passando dalla tassellatura prominente (alta) ad una via via più fine e fitta in prossimità del toe bumper (parte verticale della punta)


[B] AREA METATARSALE
La parte più importante per una suola efficace da corsa in montagna. Deve unire caratteristiche funzionali molto complesse, in particolare la resistenza alla “perforazione” dei sassi (che creerebbe dolore in una area così delicata del piede)  ad una estrema flessibilità, fondamentale soprattutto in salita per non disperdere inutilmente le energie del runner.
Oltre a queste due caratteristiche è necessario che esistano degli elementi per il cushioning per assicurare la corretta ammortizzazione dell’area in discesa veloce.
Una ottima simbiosi tra suola e tomaia in quest’area garantisce la stabilità anche su terreni inclinati e permette una corretta fase di spinta in ogni condizione.


[C] FAMICE
Può essere a contatto col terreno per favorire facilità ed efficienza di rullata, o sollevato in modo da migliorare le caratteristiche di frenata su terreni cedevoli e erbosi in discesa.
Inserti in materiali più rigidi e forme scatolate permettono il giusto sostegno plantare anche su terreni sconnessi dove la suola non può essere completamente a contatto col terreno. Questa caratteristica diventa importantissima sulle lunghe distanze, per evitare i problemi da sovraccarico a livello plantare.


[D] TACCO

Nella corsa in montagna, soprattutto in discesa su terreni duri e sassosi, i picchi di impatto a livello del tallone possono superare valori pari a tre volte il peso corporeo: appare quindi fondamentale assicurare un livello di cushioning superiore alle normali scarpe da running, anche a discapito di qualche grammo in più!
Vibram® ha sviluppato soluzioni a tasselli mobili che permette di assicurare cushioning sia su movimenti di compressione che su movimenti longitudinali della midsole nella parte posteriore del tacco. Questo permette di avere valori inferiori di decelerazione a tutto vantaggio della riduzione degli impatti, rallentando la fase di flessione plantare della caviglia sulle discese più accentuate: così si aumenta notevolmente il comfort sulle lunghe distanze.

Per avere più informazioni sul Team Vibram® e sulle suole Vibram® da trailrunning, visitate i siti testerteam.Vibram.com e www.Vibram.com

A good trail-running sole offers light weight, grip and traction. An excellent trail-running sole offers the same features, but over all types of terrain and under all weather conditions.

 

La montre GPS
Quel téléphone résistant embarquer pour ma course ?
La protection des yeux
Correre di notte
Comment protéger votre peau ?